giovedì 24 novembre 2016

Circle Time. L’insegnante ricopre nel cerchio un ruolo di mediatore, proponendo l’argomento e dando una direzione sia alla conversazione che ai contributi degli alunni, ma in questo caso non è parte del suo compito rispondere alle domande e ai dubbi degli studenti in modo diretto.

Il “Circle Time” È la Metodologia più Efficace per la Gestione della Classe.
In classi sempre più eterogenee, con alunni dalle esigenze sempre più diversificate e articolate, il metodo di insegnamento frontale, che propone un’unica soluzione per tutti gli alunni, non è certo sufficiente.
Da anni perciò vengono introdotte nella scuola metodologie didattiche ed educative che includano tutti gli alunni, prendendo in considerazione le esigenze di ciascuno e che propongano risposte differenti per ogni necessità e individualità.
Una di queste metodologie è il Circle Time, ideata negli anni ’70 ed usata con successo in molte scuole d’Italia.

Il Circle Time rappresenta un momento in cui, come suggerisce il nome stesso, gli alunni si siedono in cerchio con un coordinatore (l’insegnate), che fa anch’esso parte del cerchio, proprio perché il Circle Time rappresenta un momento di parità, dove tutti riescono a vedersi in faccia e ad esprimere le proprie opinioni e emozioni liberamente.

L’insegnante ricopre nel cerchio un ruolo di mediatore, proponendo l’argomento e dando una direzione sia alla conversazione che ai contributi degli alunni, ma in questo caso non è parte del suo compito rispondere alle domande e ai dubbi degli studenti in modo diretto.

L’obiettivo principale del Circle Time è infatti quello di facilitare la comunicazione tra pari e approfondire la conoscenza reciproca tra gli alunni, in modo da creare integrazione all’interno della classe e di valorizzare le competenze dei singoli e del gruppo.

Ovviamente, il Circle Time rappresenta uno strumento di prevenzione e risoluzione delle eventuali conflittualità all’interno della classe e permette anche all’insegnante di conoscere meglio i propri alunni e le dinamiche presenti all’interno del gruppo.

Affinché il Circle Time sia svolto correttamente, la programmazione da parte del gruppo docenti è fondamentale. Senza seguire una struttura precisa di argomenti da trattare o di fasi da affrontare, il Circle Time rischia di diventare un percorso infruttuoso, o comunque meno utile di quanto potrebbe esserlo potenzialmente. Dal momento che il Circle Time può avere diversi scopi e funzionalità, è importante strutturarlo in modo tale che diventi un appuntamento sicuro e proficuo sia per gli alunni che per i docenti.

http://www.youreduaction.it/circle-time-metodologia-efficace-per-gestione-della-classe/




Ho avuto la fortuna di sperimentarlo. 
Da bimba, alla scuola materna, la mia maestra lo utilizzava quando doveva spiegarci qualcosa 
(ad esempio, colori, schema corporeo, ecc...), quando ci leggeva le favole, 
quando cantavamo. Ricordo con piacere i vivaci dibattiti che si creavano!
E poi l'ho risperimentato all'università: una delle esperienze universitarie che mi ha davvero 
"aperto la mente". La mia prof di "diritti umani", ad ogni sua lezione, 
ci faceva letteralmente smontare l'aula per poter creare il cerchio. 
Le sue non erano "lezioni", ma veri e propri dibattiti tra pari!
Lei introduceva l'argomento, sulla base di materiale che già ci aveva fornito 
(e che noi studenti avevamo studiato) e poi iniziavano "le danze" ! :)

Elenco blog personale