martedì 7 febbraio 2012

Mr. Mckenzie. Risveglia il Bambino Interiore che c'è in te. Da bambini si è se stessi e si sa e si capisce tutto, come dei piccoli profeti. Poi all'improvviso accade qualcosa e si cessa di essere se stessi, si diventa ciò che gli altri costringono a essere. Si perde la saggezza, e l'anima

La finestra sul cielo interiore
Da bambini si è se stessi e si sa e si capisce tutto, come dei piccoli profeti.
Poi all'improvviso accade qualcosa e si cessa di essere se stessi, si diventa ciò che gli altri costringono a essere. Si perde la saggezza, e l'anima
Mr. Mckenzie



dipende da come ti lasciano crescere i "grandi" [...]  un genitore non dovrebbe "costringere" troppo il bambino dentro una qualsiasi forma di etichetta che ti impone la società: educazione si, regole ok, testa e buonsenso ma non "creare" dei robot uniformati alla triste società..... [...] crescere i bimbi e poi giovani ometti (o donnine) lasciandoli esprimere liberamente e assecondando la loro più pura natura ..... [...]

condivido quanto espresso da Damon. Si nasce bambini senza barriere mentali, con l'innocenza che li distingue, litigano ed un minuto dopo fanno pace senza ripercussioni sulle proprie emozioni senza trattenere rabbia e rancore all'interno della loro essenza, liberi di esprimere qualsiasi cosa e qualsiasi pensiero, un vulcano di idee e sapienza, se sono tristi piangono e poi passa, se sono felici ridono, se sono arrabbiati esprimono e poi passa... dopo? E dopo accade che un "adulto" che ha smesso di ascoltare il suo bambino interiore, lì "educa" a sua immagine e somiglianza, per come vorrebbero che loro siano, mettendogli davanti limiti e potere materiale, invece di lasciarli liberi di esprimersi per come essi scelgono di voler essere, andando alla ricerca del proprio se stesso su questo mondo... come dovremmo imparare a fare tutti quanti invece di star sempre ad osservare come si comportano gli altri, dovremmo cominciare più a curare il nostro "me stesso"

Il bambino interiore è il nostro Essere originario...poi arrivano i condizionamenti inevitabili...I piccoli risvegli (satori) ci permettono semplicemente di ritrovare per un istante l'Essere originario(o bambino).. Da lì dovremmo passare la vita a decondizionarci. Naturalmente la difficoltà è che non avviene tramite ragionamento logico, ma nella pratica quotidiana...nella rinuncia all'illusione del nostro io fasullo..e c'è un prezzo da pagare...quindi ci vuole coraggio e buona volontà. 


[...] nel tempo libero nessuno ci vieta di giocare con il bambino che è in noi se non noi stessi

.....non esiste il genitore perfetto....
il bambino interiore non è solo gioco (questo è un aspetto della sua totalità) ..il bambino interiore racchiude anche il nostro sentire e porta con sè le emozioni, belle e meno belle, di tutta la nostra infanzia: il bambino interiore racchiude anche tutta la nostra "vulnerabilità",  il bambino interiore è una parte di noi che viene spesso repressa, purtroppo!!!

Elenco blog personale