mercoledì 18 gennaio 2012

Paulo Coelho. L'Alchimista. Quando si vedono sempre le stesse persone alla fine queste cominciano a far parte della nostra vita. E quando divengono parte della nostra vita, cominciano anche a volerla modificare. Se non ci comportiamo come loro si aspettano, si irritano. Sembra che tutti sappiano come dobbiamo vivere la nostra vita. E non sanno mai come vivere la loro.

Quando si vedono sempre le stesse persone alla fine queste cominciano a far parte della nostra vita. E quando divengono parte della nostra vita, cominciano anche a volerla modificare.
Se non ci comportiamo come loro si aspettano, si irritano.
Sembra che tutti sappiano come dobbiamo vivere la nostra vita.
E non sanno mai come vivere la loro.
Paulo Coelho, L' alchimista



Io non vivo né nel mio passato, né nel mio futuro.
Possiedo soltanto il presente, ed è il presente che mi interessa.
Se riuscirai a mantenerti sempre nel presente, sarai un uomo felice.
La vita sarà una festa, un grande banchetto,
perché è sempre e soltanto il momento che stiamo vivendo.
Paulo Coelho, L'alchimista



"Il mio cuore è traditore," disse il ragazzo all'Alchimista, "Non voglio che continui a parlare."
"E' un bene," rispose l'Alchimista. "E' la prova che il tuo cuore è vivo.
E' naturale aver paura di scambiare per sogno tutto ciò che si è già ottenuto."
"Perché, allora, devo ascoltare il mio cuore?"
"Perché non riuscirai mai a farlo stare zitto. E per quanto tu finga di non ascoltare ciò che dice,
...sarà sempre nel tuo petto e continuerà a ripetere quello che pensa della vita e del mondo."
"Anche se è traditore?"
"Il tradimento è il colpo che non ti aspetti.
E se tu saprai conoscere bene il tuo cuore, esso non te lo darà mai.
Perché conoscerai i tuoi sogni e i tuoi desideri, e saprai fronteggiarli.
Nessuno riesce a sfuggire al proprio cuore.
Quindi è meglio ascoltare ciò che dice.
Perché non si abbatta mai quel colpo che non ti aspetti."
Paulo Coelho, L'Alchimista
«Perché piangi?» domandarono le Oreadi.
«Piango per Narciso,» disse il lago.
«Non ci stupisce che tu pianga per Narciso,» soggiunsero. «Infatti, mentre noi tutte lo abbiamo sempre rincorso per il bosco, tu eri l’unico ad avere la possibilità di contemplare da vicino la sua bellezza.»
«Ma Narciso era bello?» domandò il lago.
«Chi altri meglio di te potrebbe saperlo?» risposero, sorprese, le Oreadi. «In fin dei conti, era sulle tue sponde che Narciso si sporgeva tutti i giorni.»
Il lago rimase per un po’ in silenzio. Infine disse:
«Io piango per Narciso, ma non mi ero mai accorto che fosse bello. Piango per Narciso perché, tutte le volte che lui si sdraiava sulle mie sponde, io potevo vedere riflessa nel fondo dei suoi occhi la mia bellezza.»
Paulo Coelho, da L'Alchimista


[...] la tua Leggenda Personale. [...] è quello che hai sempre desiderato fare. 
Tutti, all'inizio della gioventù, sanno qual è la propria Leggenda Personale. 
In quel periodo della vita tutto è chiaro, tutto è possibile, e gli uomini non hanno paura di sognare e di desiderare tutto quello che vorrebbero veder fare nella vita. Ma poi, a mano a mano che il tempo passa, una misteriosa forza comincia a tentare di dimostrare come sia impossibile realizzare la Leggenda Personale. [...] Sono le forze che sembrano negative, ma che in realtà ti insegnano a realizzare la tua Leggenda Personale. Preparano il tuo spirito e la tua volontà. Perché esiste una grande verità su questo pianeta: chiunque tu sia o qualunque cosa tu faccia, quando desideri una cosa con volontà, è perché questo desiderio è nato nell'anima dell'Universo. Quella cosa rappresenta la tua missione sulla terra. [...]
l'Anima del Mondo è alimentata dalla felicità degli uomini. 
O dall'infelicità, dall'invidia, dalla gelosia. 
Realizzare la propria Leggenda Personale è il solo dovere degli uomini. Tutto è una sola cosa. 
E quando desideri qualcosa, tutto l'Universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio.
Paulo Coelho,  "L'alchimista"



"Che cos'è l'amore? domandò il deserto.
"E' amore quando il falco vola sulle tue sabbie. 
Perchè tu per lui rappresenti un campo verdeggiante da cui non è mai tornato indietro senza preda.Conosce le tue rocce, le tue dune e le tue montagne,e tu sei generoso verso di lui."
"Il falco con il suo becco ,mi porta via dei brandelli, "disse il deserto."
Da anni allevo le mie prede, le sostengo con la poca acqua che possiedo, gli mostro dove si trova il cibo.E un giorno, il falco scende giù dal cielo, proprio quando sarei sul punto di sentire la carezza della preda sulle mie sabbie, e si porta via quello che ho allevato.
"Ma è proprio per questo che hai allevato la preda, "rispose il ragazzo." Per nutrire il falco. E il falco nutrirà l'uomo. E poi l'uomo nutrirà le tue sabbie da dove un giorno emergerà di nuovo la preda. Cosi va il mondo.

"E' questo l'amore?."
Paulo Coelho,  "L'alchimista"

Elenco blog personale