sabato 8 settembre 2012

Giulia Cercasi. Il corpo ha una memoria infallibile, si ricorda la sensazione di gambe e braccia anche quando non ci sono più. Si chiama “sindrome dell’arto fantasma.” E’ il dolore di una parte che manca, il dolore dell’assenza




Il corpo ha una memoria infallibile, si ricorda la sensazione di gambe e braccia anche quando non ci sono più. 
Si chiama “sindrome dell’arto fantasma.” E’ il dolore di una parte che manca, il dolore dell’assenza.
Giulia Cercasi





IL CORPO SOMATIZZA I MALESSERI DELLO SPIRITO

Il nostro corpo somatizza nella sua materia quello che lo spirito subisce in tutta la nostra anima, quello che il nostro inconscio tace, lo urlano le nostre malattie dolori e malesseri. La malattia è un conflitto tra la personalità e l'anima.

Quando ti manca calore affettivo, basta una minima frescata di vento freddo e subito prendi un raffreddore. Il raffreddore "cola" quando il corpo non piange. Forti mali di schiena (ovvio non causati da un peso caricato male) ti dicono che stai subendo un dolore, porti con te un peso un trauma una tristezza immensa; il mal di gola "tampona" ti assale sicuramente quando hai tanti dolori da sfogare ed afflizioni da dire e non hai con chi confidarti. Quando una persona non la sopporti, non la digerisci e la devi sopportare ti viene acidità allo stomaco, le coliche spesso sono rabbie accumulate che non riesci a sfogare.

Il diabete "invade" quando la solitudine ti attanaglia. Il cancro ti divora come l'odio che corrode l'amore mancato. Il corpo ingrassa quando sei insoddisfatto o dimagrisci quando ti senti logorato. Dubbi preoccupazioni ansietà ti portano via il sonno e soffri di insonnia. Se non trovi un senso alla tua vita la pressione del cuore rallenta o accelera quindi ipotensioni e pressioni alte al cuore sono sbalzi che ti condizionano l'umore e le forze. Il nervosismo aumenta i respiri, come se ti mancasse l'aria, donde dolori al petto ed emicranie (molti fumatori prendono aria extra dal fumo fatidico ed effimero che li rilassa in maniera compensatoria ma illusoria) La pressione "sale" quando la paura imprigiona. Quando ti senti sopraffatto di un problema che sei ai limiti, allora la febbre ti assale, le frontiere dell'immunità sono all'erta. Le ginocchia "dolgono" quando il tuo orgoglio non si piega. Le artrosi vengono quando la tua mente non si apre, sei troppo rigido e i muscoli ti si contraggono. I crampi indicano che stai subendo una situazione ai limiti della sopportazione. La stitichezza ti indica che hai residui nel tuo inconscio, hai segreti che ti otturano (quanta merda ci teniamo dentro che non è utile) e non trovi chi ti comprenda senza giudicarti. La diarrea è un atto di difesa dell'organismo che vuole eliminare ciò che percepisce come dannoso (come il vomito) vale per i virus ma anche per le situazioni, i sentimenti... forse chi ha diarrea non riesce a trattenere o assimilare.

La malattia non è cattiva, ti avvisa che stai sbagliando cammino. Ascolta il tuo corpo ed impara a guarire con il tuo spirito, non c'è altra medicina che la tua stessa natura non possa darti. E' ovvio che non generalizziamo, non è un catalogo farmacologico ma una linea guida... chi una preoccupazione la somatizza nella testa (emicrania) chi nello stomaco (indigestione).




eh ne ho parecchie....cerco di andare all'origine, perchè curare solo i sintomi vuol dire vederseli ricomparire dopo un po'...ma non è facile.....





Anche se pensiamo alla base del Reiki, capiamo l'importanza del nostro corpo. L'esempio più eclatante è questo. Quando ti fai male ad un dito, ad esempio, che fai? Ipotizziamo una martellata. Te lo tocchi e lo stringi come per lenire il dolore. Ecco il Reiki si basa proprio si questo. Toccare "certi punti" del corpo per riequilibrare tutto lo stato psicofisico. L'ho stretta molto, ma il sunto è questo.




è vero tanto come è vero il contrario, ossia che gli squilibri meccanici del corpo condizionano il nostro stato di salute! Se mangi male, digerisci male e penserai male, se te mangi i peperoni la sera forse avrai l'insonnia, se non pratich i
attività sportiva, la tua schiena si curva perchè non avrai muscoli che la sostengono e allora 
tendereai a stare gobbo e a chiuderti verso il mond
ose non eserciti il tuo diaframma non respirerai bene, se respiri con la bocca di inverno, ti raffredderai.......mens sana in corpore sano...




quindi osservando il disturbo in assenza di giudizio...guariremo!




e le spalle e le caviglie che si rompono senza motrivo che vuol dire? mi sto portando un peso dentro?



 ‎@prince: se le tue caviglie si rompono il motivo non è nella somatizzazione ma forse sta nella tua postura errata e in una scarsa muscolatura. 


Rosanna Aramini e quando il problema sono calcoli renali?????





 ‎ @rosanna:dubito fortemente che i calcoli siano una somatizzazione! Rivedi la dieta e bevi sano.






"La stitichezza ti indica che hai residui nel tuo inconscio, hai segreti che ti otturano (quanta merda ci teniamo dentro che non è utile)"... a parte l'aulica terminologia, consiglio spinaci e lattuga a volontà.










Ognuno custodisca e veneri la propria anima con modo e luogo a lui propri, senza invalidarla ad altri ,e non voler mai copiarne una che hai tuoi occhi sembra migliore, il tuo spirito nel reagire nell'invidia crea malori e condizioni presso te o il tuo corpo poco piacevoli nell'essere forzata nel proprio essere.
Robbi fiorini



e' la realta' nuda e cruda!!!!!





Forti mali di schiena (ovvio non causati da un peso caricato male) ti dicono che stai subendo un dolore, porti con te un peso un trauma una tristezza immensa. 
Quando una persona non la sopporti, non la digerisci e la devi sopportare ti viene acidità allo stomaco, le coliche spesso sono rabbie accumulate che non riesci a sfogare.
I crampi indicano che stai subendo una situazione ai limiti della sopportazione.
La malattia non è cattiva, ti avvisa che stai sbagliando cammino. Ascolta il tuo corpo ed impara a guarire con il tuo spirito, non c'è altra medicina che la tua stessa natura non possa darti. E' ovvio che non generalizziamo, non è un catalogo farmacologico ma una linea guida... chi una preoccupazione la somatizza nella testa (emicrania) chi nello stomaco (indigestione).





Chissà ....forse se avessi saputo prima...non avrei affrontato un'asportazione totale della tiroide...e ora non sarei schiava dei farmaci.





bè in effetti non sono cose inventate....la malattia nel corpo spesso è collegata alla malattia dell'anima....solo che si preferisce non vedere e non scavare a fondo,perché spesso la realtà spaventa più della malattia





Ci sono predisposizioni genetiche da non sottovalutare, e componenti ambientali (dieta, vivere vicino alle fabbriche etc..) ma è anche vero che il nostro umore può indebolire il sistema immunitario. È una questione di energia, il rancore, la rabbia, le parole non dette ci indeboliscono.


Elenco blog personale