lunedì 7 luglio 2014

Zolla. Uscite dal mondo. Una mente decisa a farsi trasferire in un computer, potrà pianificare un futuro rifornimento di informazioni che sostituisca l'apporto normale tramite i sensi. Potrà istituire una serie di cabine di intercettazione, situate anche a grandi distanze l'una dall'altra, perfino nel cosmo. Potrebbe allestirle in modo che la colleghino a tutte le onde , anche ai raggi ultravioletti e oltrasuoni, se mai ambisse ad acquisire le percezioni dei pipistrelli o dei gufi. Questa estensione illimitata delle informazioni farebbe evolvere la mente in modi inediti e imprevedibili. Tale era il fine dello sciamano.

Il Grande Imambara, apice della architettura Moghul, fu concepito perché una carestia affliggeva le masse: le impiegarono e la depressione economica sparì.
"Come fece Rooswelt", dissi ad una amica americana, che mi liquidò di rimando:
"Sì. Da noi, nella Carolina Settentrionale, fecero costruire cessi a decine di migliaia".
Elémire Zolla, "Le tre vie"


Il meraviglioso complesso di "Bara Imambara"si trova a Lucknow. Bara significa grande, e un imambara è un santuario o compex costruito da Asaf-ud-Daula, Nawab di Lucknow, nel 1784.
Effettivamente la Bara Imambara è la traduzione di Grande residenza per grande Re, ovvero uno degli ultimi nababbi.
Gli obiettivi di Asaf-ud-Daula nell'armamento su questo grandioso progetto era di offrire occupazione per le persone nella regione per quasi un decennio mentre la fame perdurava.
Bara Imambara è una delle costruzioni ad arco più grandi del mondo nel suo genere: è interessante notare che non ci sono travi che sorreggono il soffitto, inoltre presenta delle proprietà foniche particolari. [...] La costruzione è immensa, la cui particolarità degna di attenzione è il "labirinto" con 1024 vie diverse, costruito per scelte strutturali e di difesa. Il Bhool-Bhooliya è una raccolta di labirinti fantastici. Questo è stato costruito per il divertimento della donna di Nawab con cui ha giocato a nascondino nei vicoli bui. Si prega di non inserire questo posto senza una guida o si può essere perso.

http://www.guidaindia.com/images/stories/uttar_pradesh/lucknow3.jpg







Una mente decisa a farsi trasferire in un computer, potrà pianificare un futuro rifornimento di informazioni che sostituisca l'apporto normale tramite i sensi.
Potrà istituire una serie di cabine di intercettazione, situate anche a grandi distanze l'una dall'altra, perfino nel cosmo.
Potrebbe allestirle in modo che la colleghino a tutte le onde , anche ai raggi ultravioletti e oltrasuoni, se mai ambisse ad acquisire le percezioni dei pipistrelli o dei gufi.
Questa estensione illimitata delle informazioni farebbe evolvere la mente in modi inediti e imprevedibili.
Tale era il fine dello sciamano.
Elémire Zolla, "Uscite dal mondo"



Elenco blog personale