giovedì 22 novembre 2012

Aldo Fabrizi. Mi' padre me diceva: fa' attenzione a chi chiacchiera troppo; a chi promette a chi dopo èsse entrato, fa: "permette?";





MI PADRE ME DICEVA
Aldo Fabrizi

Mi' padre me diceva: fa' attenzione
a chi chiacchiera troppo; a chi promette
a chi dopo èsse entrato, fa: "permette?";
a chi aribbarta spesso l'opinione
e a quello, co' la testa da cojone,
che nu' la cambia mai; a chi scommette;
a chi le mano nu' le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione
pe' di' de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre "so' d'accordo";
a chi s'atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello - er più balordo -
che, quanno parla, nun te guarda in faccia.


ROMA SPARITA PANE AR PANE Aldo Fabrizi

 'Na vorta ne le cronache italiane
leggevi "Pane ar pane" e "Vino ar vino",
ma mò che tutta l'acqua va a un mulino
se stampeno un fregaccio de panzane.

Tra er gioco de l'ipotesi più strane,
appena che se scopre un artarino,
er casino diventa più casino,
e nun c'è più chi scrive "Pane ar pane".

Perizie, prove, inchieste, documenti,
comunicati, identichitte, indaggini,
confronti e indizzi in tutti li momenti.

Er commissario nun pronuncia verbo
e doppo mesi e anni de lungaggini,
ancora stamo ar "massimo riserbo". 

 Oh, questa mi ricorda proprio qualcuno in particolare, uno che da un po' non si vede più tanto ma che c'è sempre, in giro da qualche parte... :)


[...] dispiace che ancora non hai capito di che ti puoi fidare, spesso le persone che ti attaccano e che ti dicono le cose in faccia sono quelle che più ti stimano e che ti vogliono bene, ma tu non le apprezzi

 grande ....ne conosco tanti....che non ti guardano in faccia quando ti parlano...........


 Un grandissimo personaggio di un tempo comico ma nello stesso tempo drammatico, non ci sono più uomini come lui.








Elenco blog personale