venerdì 21 agosto 2015

Primo Imperatore Cina. Uno dei tratti distintivi del legalismo era il rifiuto di qualsiasi moralità che non fosse determinata dal governante per legge. Shang e i suoi successori nella sua scuola di pensiero pensavano che la natura umana fosse per natura astuta e egoista. Ciò che il ministro di Qin voleva era l'obbedienza.




.

*** Ascesa e declino di un tiranno dell'antica Cina ***

una Lezione dalla Storia: 
pretese cieca obbedienza senza moralità e poi "nei 20 anni del suo governo, la gente di Qin sentiva solo terrore e nessun rispetto per Shang e le sue leggi. Conoscevano solo il profitto e avevano dimenticato la moralità" e poi cadde, divorato dal suo stesso governo.......

Mentre gli insegnamenti sociali e spirituali di Confucio sono oggi sinonimo della stessa società cinese tradizionale, la prima dinastia imperiale cinese, il potente stato di Qin (221-206 a.C.), usò la dura ideologia del legalismo. Secondo i promotori di questa severa forma di governo, un monarca deve cercare di acquisire più potere politico possibile e applicare leggi severe per dominare la società.
La prima grande era di divisione in Cina, conosciuta come il Periodo degli Stati Combattenti, vide l'ascesa di molte scuole di pensiero, inclusi il legalismo e il confucianesimo. Vari governanti locali cercarono il consiglio di filosofi, maestri, saggi e studiosi che li aiutassero nel loro tentativo di conquistare l'intera nazione.
In questo periodo, lo stato di Qin era una remota regione ai margini della civiltà cinese, che si estendeva nelle montagne che circondano la riva occidentale dell'alto Fiume Giallo. Nel quarto secolo a.C., il duca Xiao di Qin iniziò a cercare uomini capaci che lo aiutassero a giudare la sua terra e la sua gente verso la grandezza.
Shang Yang fu l'uomo che portò il legalismo nello Stato di Qin, che alla fine conquistò gli altri sei regni e unificò la Cina. Incapace di trovare un posto di ministro nel nativo stato di Wei nella Cina centrale, Shang si avventurò verso occidente e rispose al richiamo del Duca Xiao.

SOSTENITORE DELLA TIRANNIA
Le origini del legalismo sono varie, ma Shang Yang fu il primo a svilupparlo in una distinta ideologia politica. Prendendo il Canone delle Leggi, scritto dallo studioso Li Kui, come guida, Shang Yang incontrò il Duca Xiao e riuscì a convincerlo a dargli un importante incarico di ministro di Qin.
Uno dei tratti distintivi del legalismo era il rifiuto di qualsiasi moralità che non fosse determinata dal governante per legge. Shang e i suoi successori nella sua scuola di pensiero pensavano che la natura umana fosse per natura astuta e egoista. Ciò che il ministro di Qin voleva era l'obbedienza.

All'inizio della sua carriera nella capitale di Qin, Shang Yan chiarì subito che cosa si aspettava dalla gente, offrendo un premio di 50 pezzi di bronzo a chiunque fosse disposto a spostare un pezzo di legno da una parte all'altra della città - un compito così seplice che solo un uomo di poco intelletto decise di tentarlo. Shang prontamente gli diede i soldi promessi e stette a guardare la reazione della gente di Qin.
Alcuni dichiararono la loro contrarietà alla ridicola prova, altri la lodarono. Tutti furono arrestati. Il legalismo chiede cieca obbedienza, così qualunque cosa la gente dicesse era nel migliore dei casi irrilevante, nel peggiore ribellione.

Molti degli stati cinesi dell'epoca stavano realizzando riforme legali per ottimizzare la leadership e migliorare l'ordine pubblico, ma le azioni di Shang Yang erano le più radicali. Causò una rivolta tra i nobili di Qin, ma non poterono fare nulla per fermarlo, perchè aveva il favore del Duca Xiao. Shang fece punire severamente molti nobili e molti studiosi - alcuni con la morte altri con la mutilazione.
Nell'antica Cina, sfigurare il corpo era considerato una punizione particolarmente atroce, generalmente riservata a chi era accusato di gravi crimini.

Le riforme di Shang Yang si concentrarono anche sul massimo sfruttamento dei raccolti, per sostenere grandi eserciti. Conosciuti dalla gente degli stati vicini come "le divisioni delle tigri e dei lupi," i soldati di Qin andavano in battaglia con poco senso della cavalleria o senza riguardo per la propria vita, fintanto che questo significasse premi e ricompense per loro e per le loro famiglie.

UN CONFRONTO FUORI LUOGO
Le riforme di Shang Yang diedero i loro risultati. 
Nel 341 a.C., rafforzato dalle nuove severe leggi, Qin era pronto per dichiarare guerra al nemico di vecchia data e terra natale di Shang, lo stato di Wei. Lungo il Fiume Giallo c'era una terra contesa che conteneva 10 città, che Shang conquistò grazie ad una combinazione di subdoli trucchi e forza bruta. Salutato dal Duca Xiao come un eroe, Shang ricevette un feudo importante. In un banchetto sontuoso e ben frequentato, si vantò dei suoi successi. I presenti lo coprìrono di lodi, ma un uomo, un portiere, si alzò in segno di dissenso. Shang era perplesso e gli chiese il motivo del suo silenzio.

"Vi dirò la verità della vostra situazione, se promettete di non uccidermi nè punirmi," disse il portiere. Shang Yang accettò.
"Come sono a confronto del grande Baili Xi dei tempi antichi?" chiese Shang. Baili Xi era un ministro di Qin che era vissuto più di 200 anni prima dell'epoca di Shang. Era stato al servizio del Duca Mu, conosciuto per la generosità e la virtù del suo regno.
Baili Xi, raccontò il portiere, era amato dalla gente di Qin. Lavorava direttamente con la gente comune e non sentiva il bisogno di guardie. Quando morì, la gente pianse come se fosse mancato un loro parente.
Shang Yang, al contrario, governava solo attravero il potere del monarca di Qin, il Duca Xiao. Nei 20 anni del suo governo, la gente di Qin sentiva solo terrore e nessun rispetto per Shang e le sue leggi. Conoscevano solo il profitto e avevano dimenticato la moralità.
Inoltre il portiere avvertì che l'erede al trono di Qin non era ben disposto verso Shang Yang, così la sua autorità sarebbe durata solo per il tempo del regno dell'attuale duca.
"Sapete di non avere i cuori della gente," disse il portiere. "Quando uscite, siete protetto da forti guerrieri che vi fanno da guardia del corpo, sempre con i coltelli pronti. Diversamente non avreste il coraggio di lasciare la vostra residenza. Come potete paragonarvi a Baili Xi?"

DIVORATO DAL SUO STESSO GOVERNO
Come previsto da portiere, la fortuna di Shang Yang cambiò rapidamente dopo la morte del duca Xiao l'anno seguente, nel 338 a.C. Suo figlio ascese al trono come Re Huiwen di Qin.
Il nuovo monarca immediatamente chiese di arrestare il potente ministro. Shang Yang indossò abiti comuni e scappò - ma alla prima locanda che incontrò gli chiesero i suoi documenti d'identità. Intrappolato dalle sue stesse leggi, Shang, stanco e abbattuto, fu presto catturato. Fu accusato di tradimento e giustiziato.
Shang Yang era morto, ma Re Huiwen e i suoi successori mantennero il sistema legalista per più di 100 anni dopo la sua morte. Il potere di Qin crebbe fino a che Re Ying Zheng, che divenne il primo imperatore, unificò la Cina. Ma morì dopo 12 anni di regno, e la dinastia collassò.
Liberati dalla grande paura ispirata nei sottoposti dall'imperatore, dopo la sua morte ufficiali di Qin cominciarono a progettare la ribellione. Il successore scelto dall'imperatore fu indotto al suicidio e un erede incompetente fu messo sul trono. La burocrazia di Qin si sgretolò e l'impero precipito nella guerra civile solo 15 anni dopo la grande unificazione. Da qui il detto cinese "Qin ascese e cadde per Shang Yang."
Articolo di Leo Timm per TheEpochTimes.com
Immagine: una statua moderna di Shang Yang (Fanghong/CC BY-SA 3.0)

Tradotto da:
http://www.theepochtimes.com/n3/1723679-the-rise-and-fall-of-an-ancient-chinese-tyrant/

Elenco blog personale