mercoledì 24 ottobre 2012

Yeats. le pratiche magiche: - che i confini della nostra mente fluttuano e che molte menti possono influire l’una sull’altra, - che i confini delle nostre memorie sono allo stesso modo fluttuanti e fanno parte di una sola grande memoria, - che questa grande memoria e grande mente possono essere evocate attraverso i simboli……

Le api fanno il nido nelle fessure
di una casa in rovina, e lì
 Le madri degli uccelli portano vermi e insetti.
Le mie mura si sgretolano: api operaie,
venite a costruire nella casa deserta dello storno.
Siamo chiusi dentro e la chiave è girata
 Sulla nostra incertezza, da qualche parte
Un uomo viene ucciso, o una casa bruciata.
Eppure nessun fatto si discerne con chiarezza:
venite a costruire nella casa deserta dello storno.
Una barricata di pietra o di legna;
qualcosa come quattordici giorni di guerra civile:
la scorsa notte hanno trascinato per la strada
quel giovane soldato morto nel suo sangue:
venite a costruire nella casa deserta dello storno.
Abbiamo nutrito il cuore di fantasie
E il cuore strada facendo s''è fatto brutale.
C''è più sostanza nelle nostre inimicizie
Che nel nostro amore; api operaie
Venite a costruire nella casa deserta dello storno.
William Butler Yeats



o credo in tre principi…….. fondamento di quasi tutte le pratiche magiche:

- che i confini della nostra mente fluttuano e che molte menti possono influire l’una sull’altra,
- che i confini delle nostre memorie sono allo stesso modo fluttuanti e fanno parte di una sola grande memoria,
- che questa grande memoria e grande mente possono essere evocate attraverso i simboli……

da " Ideas of God and Evil" William Buttler Yeats



Elenco blog personale