lunedì 21 maggio 2012

Carl Rogers. Punto focale è l'individuo, non il problema. Lo scopo non è quello di risolvere un problema particolare, ma di aiutare l'individuo a crescere perché possa affrontare sia il problema attuale, sia quelli successivi in maniera più integrata.

Punto focale è l'individuo, non il problema. 
Lo scopo non è quello di risolvere un problema particolare, ma di aiutare l'individuo a crescere perché possa affrontare sia il problema attuale, sia quelli successivi in maniera più integrata.
Carl Rogers


La psicoterapia consiste semplicemente nella liberazione di capacità già presenti allo stato latente. In altri termini, implica che il cliente possegga, potenzialmente, la competenza necessaria alla soluzione dei suoi problemi. Tali punti di vista sono pertanto in netta opposizione alla concezione della terapia come una manipolazione, da parte dello specialista, di un "organismo" più o meno passivo.
Carl Rogers


Prima di esprimere il vostro punto di vista, sarebbe necessario assimilare il quadro di riferimento dell’altra persona, comprendere i suoi pensieri ed i suoi sentimenti sino al punto di riassumerli in vece sua.
Se farete questo tentativo, scoprirete che è una delle cose più difficili che abbiate mai tentato di fare.
Tuttavia quando sarete stati capaci di vedere il punto di vista dell’altro i vostri ulteriori commenti dovranno essere rivisti radicalmente.
Decentrati da voi stessi e centrati sull’altro, vi mettete in gioco, rifiutate uno stato di oggettività che vi permetterebbe di considerarvi come al di fuori dell’interazione.
Solo così il dialogo diventa vera comunicazione.
Carl Rogers



La nostra prima reazione di fronte all'affermazione di un altro è una valutazione o un giudizio, anziché uno sforzo di comprensione. Quando qualcuno esprime un sentimento o un atteggiamento o un opinione tendiamo subito a pensare 'è ingiusto', 'è stupido', 'è anormale', 'è irragionevole', 'è scorretto', 'non è gentile'. Molto di rado ci permettiamo di 'capire' esattamente quale sia per lui il significato dell'affermazione. "
Carl Rogers, psicologo statunitense



L'empatia vera è sempre libera da ogni qualità diagnostica o giudicante.
Carl Rogers

Empatia
<<Mettersi nei panni della persona, non giudicarla, non valutarla, accettare la sua unicità e individualità, non dirigerla, non dirle cosa fare, ma ascoltarla affinché apprenda ad ascoltarsi, per comprendersi e gestire da sé, in modo autonomo, le sue difficoltà.>>
Carl Rogers


La più alta espressione dell'empatia è nell'accettare e non giudicare
Carl Rogers


“Se una persona si trova in difficoltà, il modo migliore per aiutarla non è quello di dirle esplicitamente cosa fare, quanto piuttosto di indirizzarla a comprendere la situazione e a gestire il problema facendole prendere, da sola e pienamente, la responsabilità delle proprie scelte e decisioni. Gli individui hanno in sé stessi ampie risorse per auto-comprendersi e per modificare il loro concetto di sé.”
Carl Rogers


La resistenza a comprendere è la paura del cambiamento
Tutti abbiamo paura di cambiare. Una delle ragioni principali della resistenza a comprendere, è la paura del cambiamento: se veramente mi permetto di capire un'altra persona, posso essere cambiato da quanto comprendo.
Carl Rogers 


Percepire un aspetto nuovo di sé stessi è il primo passo verso il cambiamento del concetto di sé
Carl Rogers, Un modo di essere, 1980

Solo quando mi accetto come sono, posso cambiare (…) Noi non possiamo cambiare, non possiamo allontanarci da ciò che siamo, finché non accettiamo fino in fondo ciò che siamo. Allora sembra che il cambiamento avvenga quasi inavvertitamente. (…) Più mi sforzo di essere semplicemente me stesso in tutta la complessità della vita, e mi sforzo di capire e di accettare quanto c’è veramente in me e negli altri, più ho la possibilità di provocare un cambiamento maggiore.
Carl Rogers, La terapia centrata sul cliente


Quando noi consideriamo una realtà animata (animale o umana) da un punto di vista o da uno schema di riferimento puramente esterno, senza sforzarci di capirla dall'interno per via empatica, noi la riduciamo allo stato di oggetto
Carl Rogers, Psicoterapia e relazioni umane, 1965


Quando una persona capisce di essere sentita profondamente, i suoi occhi si riempiono di lacrime. Io credo che, in un senso molto reale, pianga di gioia. È come se stesse dicendo: «Grazie a Dio, qualcuno mi ascolta. Qualcuno sa cosa vuol dire essere me».
Carl Rogers

Non produce alcun frutto, a lungo andare, nei rapporti personali, comportarsi come se si fosse diversi da come si è.
Carl Rogers

Amare una persona per quello che è, dimenticando quello che vorresti che fosse, abbandonando il desiderio di cambiarla per soddisfare le tue necessità è qualcosa di sommamente difficile ma arricchisce intimamente la relazione.
Carl Ransom Rogers


Curarsi di una persona per quello che è, lasciando cadere le mie aspettative di ciò che essa dovrebbe essere per me, lasciando cadere il desiderio di modificare questa persona in armonia con le mie esigenze, è la via più difficile, ma anche la più maturante, verso una relazione intima più soddisfacente
Carl Rogers, psicologo statunitense


"Nella persona vi è una forza che ha una direzione fondamentale positiva.
Più l'individuo è capito e accettato profondamente, più tende a lasciar cadere le false "facciate" con cui ha affrontato la vita e più si muove in una direzione positiva, di miglioramento."
Carl Rogers, psicologo statunitense


Io non credo che qualcuno abbia mai insegnato qualcosa a qualcun altro. Un insegnante, al massimo, è uno che facilita le cose, imbandisce la mensa e mostra agli altri che è eccitante e meravigliosa e li invita a mangiare.
Carl Rogers

Una relazione di "aiuto" potrebbe essere definita come una situazione in cui uno dei partecipanti cerca di favorire, in una o in ambedue le parti, una valorizzazione maggiore delle risorse personali del soggetto ed una maggiore possibilità di espressione.
Carl Rogers, On Becoming a Person, 1961






Fanny Costa

Grande Carl Rogers. 
Il testo "La terapia centrata sul cliente" dovrebbero leggerlo tutti.
Rogers fu uno psicologo unico. Che non etichettava nessuno.
L' empatia è una qualità rarissima. Lui la possedeva in modo eccelso.
Per me lui è un esempio di vita.
Conoscete un allievo di Rogers che si chiama Karkuf? 
Ideò la terapia a step o piccoli passi. Lo studiai insieme a Rogers.



Omar Montecchiani
Un giorno Rogers incontrò per caso un noto psichiatra che gli chiese:
"Ho visto il tale, stava molto bene, 
non credevo che con uno schizofrenico 
si potessero ottenere risultati tanto buoni; 
come hai fatto?". 
Rogers lo guardò incuriosito e rispose: 
"Ah sì, era schizofrenico?".
Tra i più tecnici di Rogers, consiglio Piscoterapia di consultazione, ero alle battute finali di un lungo percorso di sviluppo personale quando lo lessi, e ricordo che a ogni pagina rimanevo stupefatto di quanto riuscisse a descrivere in modo cosi puntuale e umano, le diverse fasi di una psicoterapia dal punto di vista della esperienza (esperienze) vissuta dal paziente. Era proprio ciò che avevo vissuto e stavo vivendo io, sembrava che mi leggesse dentro. Fenomenale.



La Psicoterapia Centrata sulla Persona dal vivo: CARL ROGERS (ideatore e caposcuola della psicoterapia centrata sulla persona anche detta psicoterapia centrata sul cliente) introduce uno storico filmato sottotitolato in cui egli stesso svolge una prima seduta di psicoterapia con una ragazza che ha liberamente accettato che il colloquio sia filmato. E' il 1963.
(Puoi attivare i sottotitoli in italiano)


Filmato del 1963, in cui Carl Rogers espone le caratteristiche fondamentali della sua terapia.
La terapia di Carl Rogers (in italiano) - dal film Tre approcci alla Psicoterapia

https://youtu.be/89CESpTcoVU





Carlo Anibaldi 

Di Rogers consiglierei anche "Partners"










Elenco blog personale